Gestire il pollaio in estate

Gestire il pollaio in estate

L’estate è un periodo dell’anno particolarmente caldo che può causare problemi alle galline se non si è in grado di fornire ciò di cui hanno bisogno. Sapere gestire al meglio il pollaio in questo periodo dell’anno permette di avere galline sempre in forma e felici.

Le galline sudano?

Le galline non sudano, per raffreddare il proprio corpo usano altre tecniche come tenere le ali aperte e ansimare. La cresta ha un ruolo molto importante per regolare la temperatura corporea perché il sangue affluendoci dentro si raffredda, essendo più esposto all’aria, per poi tornare in circolo nel resto del corpo. Questo organo (la cresta) cambia di forma e di misura dall’estate all’inverno: in estate si allarga mentre in inverno si rimpicciolisce per evitare di disperdere il calore.

Le razze rustiche, leggere e con cresta sviluppata sono le più adatte a sopportare il caldo proprio perché hanno più superficie per raffreddare il sangue mentre altre razze come Brahma avendo creste più piccole faranno più fatica a dissiparlo.
Oltre al tipo di razza anche i soggetti grassi e quelli anziani sono più inclini a soffrire il caldo rispetto a soggetti magri o giovani.

cresta di gallo

Sintomi da eccesso di calore

Dai 30°C in su le galline iniziano a soffrire il caldo. I sintomi da colpo di calore sono molto visibili, gli animali:

  • boccheggiano e ansimano in modo molto affannoso,
  • tengono le ali molto cadenti,
  • sono apatici e mogi,
  • non si reggono in piedi,
  • perdono appetito e peso,
  • calo o interruzione della deposizione,
  • produzione di feci liquide.

Se il caldo è eccessivo e non hanno acqua o zone d’ombra per rinfrescasi possono anche morire. Questo video è un po’ forte ma si può notare che l’animale sta molto male a causa del caldo:

In estate è normale vedere animali con una leggera perdita di appetito o che ansimano perché è il loro modo per raffreddarsi ma quando questi sintomi diventano eccessivi vuol dire che gli animali stanno soffrendo e quindi bisogna intervenire dandogli da bere e metterli in una zona al fresco.

La pulizia è un altro fattore importante, le deiezioni lasciate nel pollaio per molto tempo creano umidità ed esalazioni di ammoniaca che oltre ad aumentare la temperatura facilitano la proliferazione di malattie e parassiti, come verminosi.

Altro fattore molto importante è quello di posizionare più abbeveratoi, sparsi in diverse punti del pascolo e del pollaio, in modo che le galline non debbano né fare troppa strada né competere tra di loro. 

Ciò che non deve mai mancare!

Questi sono punti cruciali:

  • Acqua fresca e pulita: le galline bevono tanto, il doppio di quello che mangiano. Gli abbeveratoi devono essere sempre all’ombra e bisogna cambiare l’acqua tutti i giorni per mantenerla sempre fresca e pulita. Bisogna evitare che si formino alghe e parassiti al suo interno. 
  • Alimentazione estiva: dovrà essere povera di cereali e ricca di frutta e verdura: i cereali sono alimenti molto riscaldanti. Togliete completamente la razione di mais che è il cibo per eccellenza riscaldante. Attenzione agli alimenti troppo ricchi d’acqua come meloni o angurie che se forniti in abbondanza possono causare in alcuni casi dissenterie. Quindi va bene fornirli ma partite con dosi piccole.
  • Non sovraffollate il pollaio: gli animali soffriranno di più il caldo e faranno fatica a respirare, è meglio che abbiano molto spazio per muoversi e stare distanti gli uni dagli altri.
  • Zone di ombra fitta: sono da preferire i cespugli fitti e molto bassi perché la temperatura sotto di essi è molto più fresca. Per aumentare gli spazi d’ombra si possono posizionare delle tettoie oppure sbizzarrirvi utilizzando anche un ombrellone da spiaggia.

ombrellone per galline

  • Mantenere il pollaio fresco: evitate di costruire pollai in materiali metallici perché in estate si trasformeranno in forni. Create una corrente d’aria, aggiungendo nel ricovero notturno una finestrella chiusa da una griglia. Posizionate la finestra sulla parete opposta alla porta d’ingresso, vicino al soffitto: l’aria calda che accumula nella parte superiore del ricovero uscirà. In caso di pollai metallici è bene posizionare sopra di esso una tettoia in modo tale da tenerlo all’ombra.
  • Pulizia.

Altri aiuti per affrontare il caldo

  • Si può aggiungere dei cubetti di ghiaccio negli abbeveratoi per tenere l’acqua fresca, l’ideale è per le giornate molto calde e afose.
  • Aggiungete una vasca bassa d’acqua: le galline non amano l’acqua ma sembrerebbe che con il caldo eccessivo qualcuna potrebbe ricercarla per starci con le zampe in ammollo o per distribuirsela sul piumaggio.
  • Frutta e verdura ghiacciata: per le giornate particolarmente calde è gradita la frutta e verdura tagliata a cubetti e congelata, da posizionare tutto in congelatore per un giorno e poi offrite il blocco di ghiaccio ai vostri polli. Gli animali lo becchetteranno pian piano rinfrescandosi.
  • Pollaio rialzato: ha degli ottimi vantaggi, lo spazio sottostante rimane sempre fresco e ombreggiato.
  • Potete bagnare il tetto del pollaio e l’area verde circostante per abbassare la temperatura.

Tenete sempre d’occhio l’igiene del pollaio, in estate ancora di più, perché con il caldo aumenta l’attività batterica e di altri parassiti (come acari rossi e pidocchi) contro i quali è necessario intervenire tempestivamente, per evitare vere e proprie infestazioni difficili poi da debellare.

Buon allevamento! 🐔

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.